Bonus / Economia

Bonus bebè 2013, le novità

bonus-bebè-2013

Bonus bebè 2013

Sta per arrivare il Bonus bebè 2013 con una lunga serie di novità. Le neo mamme italiane dovranno prepararsi ad un bonus bebè del tutto rinnovato, che prevederà un importo inferiore rispetto a quello concesso fino allo scorso anno. Ma la novità più interessante in merito al bonus bebè 2013 è quella relativa alle modalità di rimborso: l’importo non verrà infatti  erogato sotto forma di denaro come al solito ma consisterà nel pagamento di una baby sitter o dell’asilo nido per il nuovo nato.

Tutte le mamme italiane, hanno potuto contare sul bonus bebè per molti anni. Il bonus ha sempre  costituito una fonte d’aiuto economico per tutte quelle famiglie che dovessero far fronte all’arrivo di un figlio. Con il Bonus bebè 2013 però le cose cambiano: scopriamo oggi tutte le novità in arrivo.

Fino allo scorso anno, il Bonus Bebè era erogato in base alla soglia di reddito e in base alla regione di residenza, con una somma media pari a 500 euro. Le cose appaiono invece di gran lunga diverse per l’anno appena iniziato: la richiesta va inoltrata solo via internet in un’unica giornata che non è ancora stata stabilita.

In merito alle modalità di assegnazione del Bonus bebè le cose cambiano: quest’anno potranno infatti accedere all’agevolazione coloro che per primi inoltreranno la domanda e, inoltre, il bonus non sarà erogato in denaro ma sotto forma di pagamento di una baby sitter, o in alternativa dell’asilo nido per il nuovo nato. Il bonus potrà dunque essere sfruttato per un massimo di 6 mesi durante il primo anno di vita dl bambino e avrà un importo di 300 euro al mese.

Chi volesse fare  richiesta del Bonus Bebè 2013, dovrà fare attenzione al giorno chiamato “click day”, non ancora stabilito, durante il quale tutte le domande dovranno essere inoltrate per via telematica.  Sarà sufficiente dunque un semplice click da casa, ricordando che avranno la precedenza, come sempre, le famiglie con un Isee più basso; a parità di Isee otterrà il bonus chi ha presentato prima la domanda.

Le istituzioni ricordano comunque che per avere accesso al Bonus Bebè 2013, bisognerà rinunciare al congedo di maternità facoltativo; la somma mensile verrà versata soltanto se si potrà dimostrare che il bambino frequenti un asilo nido o sia affidato alle cure di una baby sitter.

Tags: , , , ,

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


− 2 = due

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>